Google Website Translator Gadget

English plantillas curriculums vitae French cartas de amistad German documental Spain cartas de presentación Italian xo Dutch películas un link Russian templates google Portuguese foro de coches Japanese catálogos de Korean entrevistas a Arabic Chinese Simplified

Buscar este blog

Traductor

jueves, 14 de noviembre de 2013

Discriminan y castigan a estudiante de primaria por pertenecer a los Testigos de Jehová


12 de noviembre de 2013._ Director, 

maestra y alumnos de la escuela primaria "Leona Vicario" discriminan y tratan mal a un menor de edad por pertenecer a la religión, Testigos de Jehová. 
Además de obligarlo a saludar a la Bandera, cantar el Himno Nacional y pretender que desfile el 20 de noviembre, durante el aniversario de la Revolución Mexicana,
fue amenazado con que le retirarían la beca que tiene en el

Bethel Philippines






Filipinas -Super Typhoon Haiyan

MANILA , Filipinas -Super Typhoon Haiyan (llamada Yolanda en Filipinas) , una de las tormentas más fuertes cada vez que toque tierra , arrasó Filipinas el 8 de noviembre de 2013.

 

A partir del 13 de noviembre de 2013 la sucursal de Filipinas de los Testigos de Jehová en Manila informó que 27 testigos han muerto . Más de 100 casas de los testigos y los cinco salones fueron destruidos.

 

 

El Consejo de Administración de los Testigos de Jehová  de la sede mundial en Brooklyn, New York es quien coordina la respuesta internacional a desastres. Como parte de estos acuerdos , la sucursal de Filipinas ha estado haciendo esfuerzos para entregar alimentos, agua , medicinas y otros suministros a las zonas afectadas. Para el domingo, 10 de noviembre de cerca de diez furgones llenos de suministros de socorro había sido entregado, con camiones suplementarios enviados el día siguiente .

 

La región ha tenido poco tiempo para recuperarse del terremoto de magnitud 7,2 que sacudió las Filipinas el 15 de octubre de 2013, matando a 218 personas. Los informes indican que el sismo cobró la vida de tres de los testigos de Jehová , uno en un deslizamiento de tierra y dos más cuando sus casas se derrumbaron . El terremoto tuvo lugar poco después del tifón Nari , que golpeó las Filipinas el 12 de octubre de 2013, matando al menos a 13 personas.

 

El Consejo de Administración de los Testigos de Jehová se preocupa por los gastos relacionados con sus actividades de socorro mediante la utilización de los fondos donados a su trabajo en todo el mundo . El Consejo de Administración también se evalúa la necesidad de voluntarios cualificados , y trabaja con su red global de sucursales para proporcionar personal calificado para ayudar con el trabajo de socorro en cooperación con las autoridades locales y otros organismos de socorro.

 

Dean Jacek , un portavoz de los Testigos de Jehová en las Filipinas , dijo : "Estamos todos muy triste por la gran pérdida de vidas causadas por estas catástrofes recientes. Hay una gran necesidad de comodidad en vista de la destrucción , así como el trauma a las víctimas . Vamos a seguir haciendo todo lo posible para proporcionar un alivio permanente y la asistencia espiritual a nuestros amigos y vecinos " .

 

Media Contact ( s ) :

 

Internacional : JR Brown , Oficina de Información Pública , tel . +1 718 560 5000

 

Filipinas: Dean Jacek , tel . +63 2 411 6090

 

Les Témoins de Jéhovah se vendent au plus offrant

Fermé il y a près de trois ans, le centre de Cabassou est toujours en très bon état. (KS)

Le centre de l'association, situé à Cabassou, est en vente et pourrait susciter l'intérêt de nombreux acquéreurs. A commencer par la Région.

 

 

Les lourdes grilles du centre des Témoins de Jéhovah, à Cabassou, restent désespérément fermées depuis bientôt trois ans. Personne n'y aurait vraiment prêté attention si la Région ne s'était montrée intéressée par le rachat de l'imposant bâtiment administratif et de son terrain de près d'un hectare. La collectivité pourrait en effet y aménager une Maison régionale des sports. Mais rien n'est fait. « Pour l'instant, on n'a pas eu d'offre concrète, déclare Paul Chong Wing, porte-parole des Témoins de Jéhovah sur ce dossier. La Région est un client potentiel, comme le sont d'autres institutions et associations. » L'homme n'en dira pas davantage. Surtout pas le prix estimé du bien. « On ne sait pas encore » , sourit-il pour éluder la question. L'association espère en tout cas faire une belle plus-value sur cette ancienne zone marécageuse qu'elle a entièrement assainie. « L'argent de la vente pourra être réinvesti dans les actions que nous menons en France métropolitaine et dans les Dom. »

Le temple de Cabassou et tous les autres lieux de culte du département resteront néanmoins ouverts, assurent les membres de l'association. Quant à la dizaine de volontai- res qui exerçaient dans le bâtiment administratif, ils seront réorientés vers d'autres fonctions. « ll y a tellement de travail à faire, comme l'enseignement de la Bible en porte-à-porte » , souffle Paul Chong Wing.

Cette décision de fermer le siège guyanais s'inscrit dans une restructuration mondiale de l'association. « Nous sommes déjà présents dans l'Hexagone et avec les moyens modernes et les progrès de l'informatique, nous n'avons plus besoin de deux centres dans le même pays. Nous préférons centraliser nos actions » , affirme le porte- parole. A Brooklyn (New York), c'est un complexe de cinq bâtiments qui a été cédé il y a un mois à peine. De là à croire que les Témoins de Jéhovah ont besoin d'argent...

 

Florida teacher suspended after forcing Jehovah’s Witness student to say Pledge of Allegiance

http://www.nydailynews.com/news/national/teacher-forces-jehovah-witness-recite-pledge-article-1.1508783

 

Anne Daigle-McDonald grabbed the boy's hand and placed it over his heart, allegedly saying 'If you don't want to do that, you should move out of the country.' The Hernando County school district later suspended her for violating the student's right to free exercise of religion.

'You are an American, and you are supposed to salute the flag,' Anne Daigle McDonald told her class of fourth graders at the Explorer K-8 School.


A Florida teacher told her fourth grade student to pledge allegiance to the flag...or else.

Hernando County school teacher Anne Daigle-McDonald has been suspended without pay after grabbing a student's wrist, placing it over his heart, and forcing him to recite the Pledge.

The boy, a Jehovah's Witness, reminded the teacher that his religion doesn't allow him to worship objects. He stood up out of respect for his country, but he didn't want to put his hand over his heart.

"You are an American, and you are supposed to salute the flag," Daigle-McDonald reportedly said, according to a statement the boy gave the Explorer K-8 school.



RELATED: NO PLEDGE OF ALLEGIANCE FOR THESE KIDS

The first incident happened on Sept. 11, the 12-year anniversary of the terrorist attacks on the World Trade Center. The next day, Daigle-McDonald noticed that the boy hadn't changed his habits. That's when she decided to turn the incident into a lesson for all her young students.

She yanked the boy's hand over his heart and then told the entire class, "In my classroom, everyone will do the pledge; no religion says that you can't do the pledge."

She continued, "If you don't want to say the pledge, you still have to put your hand on your heart and if you don't want to do that, you should move out of the country."



 

 

Students pledging allegiance to the American flag with the Bellamy salute. It was replaced with today's 'hand-over-heart' salute during World War II, since it looked similar to the gesture used by Adolf Hitler's Nazis.


 

After hearing about the teacher's actions, the Hernando County School Board interviewed several of the boy's classmates, who corroborated his story.

RELATED: NBC APOLOGIZES FOR CUTTING 'ONE NATION UNDER GOD' FROM PLEDGE

Officials at the school district recently concluded that the teacher had overstepped her bounds by taking away the student's right to free speech and freedom of religion, which are both protected by the First Amendment. On top of that, Daigle-McDonald was accused of violating professional conduct protocol and state education rules.

"She touched a child and that is no-no," grandparent Donna Walker told WTSP. "She should not be teaching here. She should not be teaching children."

Daigle-McDonald was in fact removed from student contact and given an alternative school job on Sept. 12. She was also suspended for five days without pay and ordered to undergo diversity training.

During the investigation, the teacher defended herself by saying that the boy's mother had never explained that she didn't want her child to say the pledge.

RELATED: GROUP WANTS PLEDGE OF ALLEGIANCE TOSSED FROM SCHOOLS

"His mother told me that he didn't celebrate holidays or birthdays, and I told her that was fine," the teacher said.

 

 

 

President Dwight D. Eisenhower added 'under God' to the Pledge during the anti-communist movement of the 1950s.

Instead of standing up, the boy had taken to doodling during the pledge, the teacher said. Daigle-McDonald explained that she didn't want other students to start imitating the boy, especially on Sept. 11.

"(I) just wanted all of the students to respect the day," she said. "It wasn't a holiday, so I didn't see why the whole class couldn't say the pledge."

But students' right to opt out of the pledge has been recognized as a form of free speech for decades. The Supreme Court confirmed this right back in 1943, with the case West Virginia State Board of Education vs. Barnette.

RELATED: ATHEIST FAMILY SUES TO GET 'UNDER GOD' STRIPPED FROM PLEDGE OF ALLEGIANCE

The Pledge of Allegiance was originally written in the late nineteenth century by Francis Bellamy, a pastor who was kicked out of the Baptist church for his socialist leanings. Bellamy instructed citizens to start the Pledge off with a military salute and then extend their hands outward towards the flag, NPR reports. But this gesture was discarded during World War II, since it closely resembled the Nazis' salute.

The Pledge became popular during the era of anti-communism, as a way to celebrate loyalty to the American flag and way of life.

It seems Daigle-McDonald still believes that refusing to say the pledge is like refusing to be a good citizen.

"It was directed at citizenship," Daigle-McDonald said during the investigation. "I was talking about pledging allegiance to our country, and if you don't want to pledge to our country, you should go to your home country."

 

Look video

http://launch.newsinc.com/share.html?trackingGroup=90051&siteSection=nydailynews&videoId=25334022

 

 

 




Jehovah's Witnesses in the Franklin county towns of Greenfield and Shelburne have completed their new Kingdom Hall.

http://www.wwlp.com/news/local/franklin/jehovahs-witnesses-new-kingdom-hall

 

GREENFIELD, Mass. (WWLP) - Jehovah's Witnesses in the Franklin county towns of Greenfield and Shelburne have completed their new Kingdom Hall.

More than one thousand volunteers had to spend several weeks building their house of worship from the ground up. On Friday, they showed 22News the fruits of their labor. A fully functional Kingdom Hall they'll worship in for years to come.

Jehovah's witnesses told 22News of the satisfaction they feel having done the work themselves.

Rob Nicoll, a Jehovah’s Witness, told 22News, “There's a great sense of accomplishment and pride being able to build a beautiful center for worship, where our spiritual brothers and sisters can come together and worship our God, Jehovah.”

“A wonderful opportunity to have a share in the building process, seeing in right from the beginning one that all worked together and actually see your friends come here and be able to help us,” said Fred Wheeler, a Jehovah’s witness.

Jehovah's witnesses from all over Massachusetts came to Greenfield to work on and help complete this Kingdom Hall.

 

 

 

Look video

 

http://www.wwlp.com/news/local/franklin/jehovahs-witnesses-new-kingdom-hall

 

A Coruña practica trasplantes de donante vivo a testigos de Jehová

http://www.lavozdegalicia.es/noticia/sociedad/2013/11/08/coruna-practica-trasplantes-donante-vivo-testigos-jehova/0003_201311G8P27991.htm

 

El Complexo Hospitalario Universitario A Coruña presentó ayer en la reunión nacional de coordinadores de trasplantes, que se celebra en Alicante, el primer protocolo de España para el trasplante de donante vivo a testigos de Jehová. El documento, que incluye un consentimiento informado específico para estos pacientes, pretende servir de base para extender este tipo de intervenciones, de las que el centro coruñés ya ha practicado dos. «Tanto los donantes como los receptores se encuentran muy bien, con función renal normalizada», destacó Antón Fernández, coordinador de trasplantes del Chuac. En ambos casos, la donación se realizó de marido a mujer, en sendas parejas, una joven y otra de edad media.

 

La iniciativa surgió a raíz de las cuestiones planteadas por familiares y afectados y con ella se pretende dar acceso al programa de trasplante de donante vivo a esta confesión religiosa de una forma regularizada. «Algún hospital ha podido hacer alguna intervención, pero ninguna comunidad lo había protocolorizado», añadió.

 

El equipo coruñés, que ya contaba con experiencia en pacientes con limitaciones de fe en la realización de trasplantes con órganos de cadáver, decidió regularizar de alguna manera la práctica de estas operaciones sin necesidad de utilizar sangre o sus derivados, a lo que se niegan los testigos de Jehová. Las estadísticas indican que en un trasplante de riñón convencional (con órganos de cadáver) es necesario realizar transfusiones sanguíneas en el 25 % o 30 % de los casos. Si no durante la cirugía mismo, sí durante algún momento del proceso por sufrir, por ejemplo, una anemia.

 

«La operación, la cirugía, no cambia para nada», indicó Fernández, pero antes del trasplante se mejora la situación del receptor con EPO (eritopoyetina, una hormona que estimula la formación de eritrocitos, es decir, aumenta la cantidad de glóbulos rojos), para que «entre en el quirófano en las mejores condiciones, de manera que se eviten requerimientos sanguíneos», señaló.

 

No obstante, en el consentimiento informado que han de firmar los pacientes el equipo médico se compromete a intentar no utilizar sangre ni sus derivados, y el paciente acepta que en caso de riesgo para la vida de la persona o de pérdida del órgano donado «los profesionales podrán tomar todas las medidas necesarias».

 

El protocolo presentado ayer fue elaborado por el equipo de trasplantes del Chuac para los servicios de Urología, Nefrología y Anestesia, los directamente relacionados con el injerto renal de donante vivo, y sometido al comité de ética, que lo validó.

 

En España se calcula que viven 110.000 testigos de Jehová y la prevalencia de la insuficiencia renal terminal es de 80 casos por cada 100.000 habitantes, de modo que entre 80 y 100 pacientes de esta confesión religiosa podrían beneficiarse ahora de esta nueva fórmula de cirugía trasplantadora para no continuar dependiendo de la diálisis.

 

LOS TESTIGOS DE JEHOVÁ REALIZARAN ASAMBLEAS EN EL POLIDEPORTIVO

http://www.codigomardelplata.com/ver_noticia_mar_del_plata.asp?codigo=14142

 

LOS TESTIGOS DE JEHOVÁ REALIZARAN ASAMBLEAS EN EL POLIDEPORTIVO

 

 

Los testigos de Jehová han comenzado a organizar por todo el mundo sus asambleas anuales y han lanzado una campaña para invitar al público a asistir. El título de las asambleas de este año es “La Palabra de Dios es la verdad”.

 

“El título de las asambleas de distrito de este año es significativo, pues subraya una verdad fundamental para las familias de testigos de Jehová —dijo J. R. Brown, portavoz de los Testigos—. Para nosotros, la Biblia es la fuente más confiable de guía y consejos que puede haber en estos tiempos tan difíciles. Estamos seguros de que el público también se beneficiará del variado y práctico programa.”

Brown mencionó que estudiar la Biblia es una prioridad para cada testigo de Jehová, y que una vez a la semana, las familias de Testigos dedican algunas horas a repasar e investigar temas bíblicos. Esto se conoce como “adoración en familia”. Y añadió: “En las asambleas de este año, las familias recibirán nuevas publicaciones para estudiar la Biblia juntos e individualmente. Todos esperamos con anhelo recibir lo nuevo que se presenta en cada asamblea”.

Un aspecto destacado será el discurso “¿Qué es la verdad?” el día domingo a las 11:10 hs. También las dos obras dramáticas que destacarán las lecciones que aprendemos de dos relatos bíblicos. Como en todas las asambleas de los testigos de Jehová, también se efectuará el día sábado la ordenación de nuevos ministros mediante el bautismo en agua.

En la ciudad de Mar del Plata se realizarán dos series de esta asamblea. La primera serán los días 15 al 17 de Noviembre y la segunda del 30 de noviembre al 1 de Diciembre de 2013. El lugar del evento es el estadio polideportivo Islas Malvinas, ubicado en Juan B Justo y España. El programa empezará a las 9:20 hs los tres días y concluirá a las 16:55 el viernes y sábado y 15:40 el domingo. La entrada a todas las sesiones es libre y gratuita. No se hacen ningún tipo de colectas.

 

Malori dopo il pranzo conviviale Testimoni di Geova in ospedale


Malori dopo il pranzo conviviale Testimoni di Geova in ospedale
CASTIGLIONE DELLE STIVIERE. Senso di nausea, vomito e diarrea. Dieci persone, domenica pomeriggio, sono arrivate al pronto soccorso di Castiglione delle Stiviere lamentando questo tipo di sintomi....


CASTIGLIONE DELLE STIVIERE. Senso di nausea, vomito e diarrea. Dieci persone, domenica pomeriggio, sono arrivate al pronto soccorso di Castiglione delle Stiviere lamentando questo tipo di sintomi. Il referto medico parla di tossinfezione alimentare. Dunque, qualcosa che avevano mangiato. Ma dove? I medici hanno fatto loro qualche domanda, ed è così che è emerso che quella decina di persone faceva parte di una più ampia comitiva di circa una settantina di persone, tutti testimoni di Geova, che erano arrivati nel fine settimana nell’Alto Mantovano per partecipare a un’assemblea, cioè una sorta di ritiro spirituale che si è svolto nella Sala del Regno di Medole.
La tre giorni, cominciata venerdì, si stava concludendo domenica a mezzogiorno con un pranzo in un agriturismo di Castiglione delle Stiviere.Peccato che, al termine del momento conviviale, si siano verificati questi malori. Malori dovuti a che? Questo deve ancora essere chiarito.Ma questo cibo incriminato potrebbe essere o quello consumato in agriturismo oppure qualche cosa d’altro ingerito durante il raduno spirituale.
Il Servizio Igiene dell’Azienda sanitaria locale ha comunque avviato le proprie indagini: domenica sono stati prelevati campioni delle pietanze consumate nella struttura ricettiva castiglionese e verranno analizzati in laboratorio. Il responso è atteso per i prossimi giorni. Finora l’autorità sanitaria non ha preso provvedimenti più seri come la temporanea sospensione dell’attività. La comitiva di testimoni di Geova proveniva dalla provincia di Milano.


Cinquemila testimoni di Geova

 

http://www.laprovinciadivarese.it/stories/Cronaca/cinquemila-testimoni-di-geova-in-trasferta-per-la-riflessione_1032290_11/

Varese - 

 

Cinquemila testimoni di Geova della provincia di Varese in trasferta a Torino con destinazione Assemblee di Leinì. La comunità varesina parteciperà alla kermesse che ha l’obiettivo di mostrare come gli insegnamenti biblici possano essere utili in ogni momento della nostra esistenza, a partire dalla ricerca di un equilibrio interiore, passando attraverso i rapporti interpersonali e familiari, per arrivare infine alla questione della fede.

 

«Assistiamo spesso al dibattito sul ruolo che l’educazione dovrebbe avere nella formazione delle giovani menti e, più in generale, nella costruzione di una coscienza collettiva che oggi sembra essere sempre più fragile - scrivono in un comunicato - Ma in un mondo secolarizzato come quello attuale, c’è spazio per gli insegnamenti esposti nella Bibbia? I princìpi in essa contenuti possono contribuire ad elevare moralmente la società odierna? In che modo la guida che offre può migliorare le nostre vite dal punto di vista spirituale, emotivo ed anche fisico?».

 

Per ragionare su questi temi oltre cinquemila testimoni di Geova provenienti dalla provincia di Varese e dall’Alto Milanese si riuniranno presso la Sala delle Assemblee di Leinì, via Leopardi 17, nei weekend del 16 e 17 novembre, del 23 e 24 novembre e del 30 novembre e primo dicembre prossimi. Il tema del convegno, “La Parola di Dio è utile per insegnare”, riprende le parole che l’apostolo Paolo scrisse nella sua seconda lettera a Timoteo al capitolo 3, verso 16. Sarà data risposta a domande come: “Che effetto ha l’insegnamento divino sulla nostra vita?” e “Di che utilità è la Parola di Dio?” I testimoni sono infatti convinti che Dio, attraverso la Sacra Bibbia, desideri educare le nostre coscienze.

 

Altro momento saliente sarà costituito dal battesimo per immersione completa in acqua dei nuovi fedeli che si terrà sabato alle 11.25. In tutto il mondo i testimoni di Geova sono oltre 7.800.000. In Italia sono più di 240mila e a Varese e provincia se ne contano oltre cinquemila raggruppati in circa 60 comunità. L’ingresso è libero e non ci saranno collette. Le sessioni inizieranno alle 9.40 e termineranno alle 16. Tutte le assemblee dei Testimoni di Geova sono interamente sostenute da contribuzioni volontarie.V. Fum.

 

Cassazione contro padre testimone di Geova:

I giudici hanno respinto il ricorso di un padre separato che voleva portare le figlie minorenni alle adunate della sua nuova fede. "Le ragazze sono cresciute in un contesto cattolico che non va modificato"

 

http://milano.repubblica.it/cronaca/2013/11/04/news/cassazione_il_genitore_non_pu_cambiare_il_credo_religioso_ai_figli-70212112/

 

 

Anche nel caso di affido condiviso, scatta il divieto - per il genitore che dopo la separazione abbraccia una nuova fede - di portare i figli minorenni alle celebrazioni religiose dove si pratica un culto diverso da quello nel quale sono stati allevati i minori nel corso della loro vita familiare, indipendentemente dal fatto che i genitori fossero sposati o conviventi. Lo sottolinea la Cassazione che ha confermato, nei confronti di un padre di San Donato Milanese (Milano), il divieto di condurre alle adunanze dei testimoni di Geova le due figlie minori avute dalla compagna con la quale si era lasciato dopo anni di convivenza durante la quale le bambine erano vissute "in un contesto connotato dal credo cattolico".

 

Secondo la Cassazione, correttamente i giudici di merito, sulla base della relazione dei servizi sociali, hanno decretato questo 'no' considerando che le due bambine non hanno la necessaria maturità per "praticare una scelta confessionale veramente autonoma" e che "fosse inopportuno uno stravolgimento del credo religioso che non potesse essere elaborato con la necessaria maturità". Roberto C., il padre neo-testimone di Geova, aveva protestato in Cassazione "in nome del diritto di manifestazione della propria religione" contro la sentenza con la quale la Corte di Appello di Milano, lo scorso gennaio, nel regolamentare l'affido condiviso gli aveva imposto, come già fatto dal tribunale dei minori nel gennaio 2011, di non portare le piccole alle 'adunanze del Regno', tra i nuovi correligionari.

 

La Cassazione gli ha risposto che la sua obiezione è "infondata". La Corte d'Appello - scrive la Cassazione - "lungi dal negare e comprimere il diritto di professare la propria fede religiosa, ha piuttosto adottato le

prescrizioni ritenute più idonee per assicurare la corretta formazione psicologica e affettiva delle minori". Proprio in considerazione dell'educazione ricevuta finora dalle due bambine, la Cassazione ha confermato l'obbligo per Roberto C. "di far trascorrere alle minori i giorni più significativi delle festività natalizie e pasquali, e cioè il 24 e 25 dicembre, il primo e il sei gennaio e il giorno di Pasqua, nonchè il giorno del loro compleanno con la madre".

 

 

Caltanissetta, Assemblea Speciale dei Testimoni di Geova di Agrigento: “La Parola di Dio esercita potenza”

http://www.canicattiweb.com/2013/11/06/caltanissetta-assemblea-speciale-dei-testimoni-di-geova-di-agrigento-"la-parola-di-dio-esercita-potenza"/

 

Caltanissetta, Assemblea Speciale dei Testimoni di Geova di Agrigento: "La Parola di Dio esercita potenza"

 

Dopo i grandi raduni estivi che hanno visto una nutrita presenza di delegati in tutte le 86 assemblee svoltesi nel territorio nazionale, gli oltre 1.400 testimoni di Geova di Agrigento e parte della provincia saranno impegnati domenica 10 novembre con il primo dei due raduni previsti per l'autunno e la primavera prossima. Si svolgerà presso la Sala delle Assemblee di Caltanissetta e avrà per tema: "LA PAROLA DI DIO ESERCITA POTENZA", tratto dall'epistola paolina agli Ebrei al capitolo 4 al versetto 12. Con l'ausilio delle Sacre Scritture, verranno prese in considerazione domande come: Perché dovremmo avere fiducia nella parola di Geova? Come possiamo sperimentare il potere della Parola di Dio nella nostra vita? Come possiamo divenire potenti anche quando siamo deboli? Ragazzi, come potete avere successo in senso spirituale? Qual è il segreto per abbandonare cattive abitudini e atteggiamenti fortemente radicati? Nel corso della giornata, oltre ad avvincenti discorsi, saranno intervistate persone che, grazie al potere esercitato dalla Bibbia sulla loro vita, hanno abbandonato pratiche deleterie e vizi dannosi alla salute. Uno dei momenti più gioiosi ed emozionanti di questi raduni, dalle ore 11:35 in poi, sarà come sempre la cerimonia del battesimo dei nuovi Testimoni di Geova. Avverrà per immersione completa in acqua a seguito di un caloroso ed esortativo discorso intitolato: "Dà il tuo cuore a Geova". Alle ore 14:55 il discorso principale dal tema "Il potere della Parola di Dio continui a trasformarci". Il programma dell'assemblea inizierà al mattino alle 9:40 e si concluderà nel pomeriggio alle 15:55. Tutti possono assistere al convegno, anche coloro che non sono testimoni di Geova. L'ingresso è libero e non si fanno collette.

 

Testimoni di Geova piacentini in assemblea a Medole

http://www.piacenzasera.it/app/document-detail.jsp?id_prodotto=41977

 

 

Si prevedono oltre 1600 presenti all’assemblea di due giorni che i Testimoni di Geova di parte delle province di Piacenza e Parma terranno sabato 2 e domenica 3 novembre nella loro Sala delle Assemblee di Medole (MN). Giungeranno da Piacenza, Castel San Giovanni, Fiorenzuola, Carpaneto, Monticelli d’Ongina e Ponte dell’Olio, e alcune località del lodigiano e del parmense.

 

 

Il tema del convegno, "La Parola di Dio è utile per insegnare", si basa sulla dichiarazione biblica contenuta nella seconda lettera a Timoteo, capitolo 3 versetto 16. I testimoni sono infatti profondamente convinti che la Bibbia sia un libro senza uguali, i cui insegnamenti divini producono ancora oggi grandi benefici per l’umanità.Attraverso discorsi, interviste e rappresentazioni realistiche, il programma darà risposta a domande come: ’Che effetto ha l’insegnamento divino sulla nostra vita?’ o ’Di che utilità è la Parola di Dio?’

 

 

Domenica alle ore 13,50 ci sarà il discorso principale dal tema "Chi sta ’scrollando’ le nazioni, e come?", mentre un momento molto atteso sarà la cerimonia del battesimo per immersione sabato alle 11,25.L’ingresso è libero e tutti gli interessati sono benvenuti. Le sessioni inizieranno alle 9.40 e termineranno alle 16,00. In tutto il mondo i Testimoni di Geova sono oltre 7 milioni. In Italia sono più di 240 mila e a Piacenza e provincia se ne contano oltre un migliaio, raggruppati in circa 14 comunità, tra cui alcune di lingua straniera (inglese, spagnolo e romeno).

 

I TESTIMONI DI GEOVA AD ARDEA

http://www.ilcorrieredellacitta.com/la-voce-dei-cittadini/i-testimoni-geova-ad-ardea.html

 

Sabato 26 ottobre si inaugura ad Ardea un nuovo luogo di culto dei testimoni di Geova, chiamato “Sala del Regno”, e situato all’inizio di Via Novara.

 

Il programma dell’inaugurazione prevede per la giornata di sabato un tour a porte aperte per illustrare e far conoscere il nuovo luogo di culto. Nel corso del programma saranno effettuate delle proiezioni video riguardanti lo svolgimento dei lavori effettuati per la costruzione dell’edificio di culto. Sono state invitate le autorità e gli amministratori locali, i fornitori, che hanno collaborato con l’iniziativa di costruzione, ai quali i testimoni locali porgono vivissimi ringraziamenti.

 

I Testimoni hanno interamente autofinanziato l’opera di costruzione mediante offerte volontarie e hanno donato il loro tempo nei fine settimana e nei periodi di ferie. Hanno partecipato ai lavori uomini e donne, giovani e anziani, lavoratori specializzati e non. Complessivamente centinaia di volontari hanno dato il loro contributo.

 

L’edificio è stato dotato dei più moderni accorgimenti tecnologici, fra i quali pannelli fotovoltaici e anche di un impianto UTA (unità trattamento aria) che garantisce – come nei grandi locali pubblici – il ricambio e l’ossigenazione naturale dell’aria per agevolare la concentrazione.

 

Il centro verrà utilizzato da 2 comunità che vi si raduneranno a turno due volte alla settimana. Quindi circa 200 persone, fra Testimoni e simpatizzanti della zona avranno ora la possibilità di riunirsi in questo locale per essere istruiti, alla luce dei principi biblici, sui valori della famiglia, della morale e del rispetto cristiano. Chiunque lo vorrà potrà assistere alle funzioni liberamente; l’ingresso è gratuito e aperto al pubblico.

 

La nuova Sala del Regno diventerà anche un punto di riferimento per organizzare l’opera di evangelizzazione dei Testimoni che reca benefici all’intera collettività. Infatti, grazie all’insegnamento dei valori cristiani impartito dai Testimoni, molte persone sono uscite dal tunnel della droga e altre hanno abbandonato stili di vita abbietti oppure hanno salvato il proprio matrimonio in crisi.

 

Il centro ospiterà anche la celebrazione di matrimoni validi a tutti gli effetti civili in quanto esistono ministri di culto dei testimoni di Geova autorizzati dallo Stato italiano a tale scopo, in virtù del riconoscimento legale come confessione religiosa concesso loro dallo Stato con D.P.R. del 31.10.1986, n. 783.

 

A livello nazionale, la confessione conta oltre 245.000 associati e circa 200.000 simpatizzanti. Nel mondo i Testimoni sono oltre 7.800.000 e circa 11.000.000 i simpatizzanti.

 

Assemblea dei Testimoni di Geova a Bitonto

http://www.brindisisera.it/news_dettaglio.asp?di=Attualit%E0&articolo=Assemblea+dei+Testimoni+di+Geova+a+Bitonto&id_articolo=17403

 

Assemblea dei Testimoni di Geova a Bitonto

 

Gli oltre 1.500 Testimoni di Geova e simpatizzanti provenienti da parte della provincia di Brindisi e Bari si raduneranno sabato 9 e domenica 10 novembre nella Sala delle Assemblee di Bitonto in Via Ganga di Lupo s.n.c. Contrada Patierno per seguire il programma dell'assemblea annuale di due giorni che avrà come tema:

 

"La Parola di Dio è utile per insegnare"

 

Verrà evidenziato come il nostro Dio Geova, definito giustamente nelle Sacre Scritture, “il Grande Insegnante", ci insegna attraverso un libro senza uguali: la Sua Parola

ispirata, la Bibbia. In che modo l'insegnamento di Dio ci è di beneficio dal punto di vista fisico, mentale, emotivo e spirituale? La risposta verrà data nei due giorni di raduno a Bitonto.

 

Si risponderà inoltre a domande del tipo:

 

• -  Di che utilità è la Parola di Dio?

• -  In che senso la Parola di Dio è utile per insegnare, per riprendere, per correggere  e per disciplinare nella giustizia? (2 Tim. 3:16)

• -  Perché dobbiamo fare tutto il possibile per rimanere nell'insegnamento divino?

 

Attraverso discorsi, interviste e scene di vita quotidiana, saranno evidenziate le varie risposte bibliche.

Un momento molto atteso sarà il sabato mattina, quando diversi nuovi testimoni renderanno pubblico il loro desiderio di servire Geova con il battesimo in acqua, secondo il modello lasciatoci da Gesù stesso.

Domenica alle ore 13,50 sarà molto coinvolgente il discorso pubblico dal tema:  Chi sta scrollando le nazioni, e come?

Il programma avrà inizio il sabato alle ore 9,40 e terminerà alle ore 15,55. La domenica alle ore 9,40 e terminerà alle ore 15,30.

Tutti coloro che lo desiderano sono invitati. L'ingresso è libero e non si fanno collette, perché tutte le attività dei testimoni di Geova sono sostenute da contribuzioni volontarie.

San Marino. I testimoni di Geova del Titano in trasferta a Imola per i battesimi

http://www.giornale.sm/san-marino-i-testimoni-di-geova-del-titano-in-trasferta-a-imola-per-i-battesimi-67765/#.UoUFuz7f1kU

 

Sabato – 2 novembre 2013 – gli oltre 1800 Testimoni di Geova provenienti oltre che dalla della Repubblica di San Marino, anche da Pesaro, Carpegna, Novafeltria, Gabicce e parte della Romagna, assieme ai lori simpatizzanti, si danno appuntamento per un’assemblea speciale di 1 giorno presso la Sala delle Assemblee di Imola – Via Pastore 1. Il programma inizierà alle 9,30 e terminerà alle 16,00. I Testimoni di Geova hanno sperimentato direttamente nella loro vita che, a differenza di tutto ciò che trae origine da esseri umani limitati e imperfetti, la Bibbia ha il potere di trasformare le persone in meglio, plasmando i pensieri e le motivazioni e motivando quindi ad agire per conformarsi alla volontà di Dio.

Attraverso discorsi, interviste dal vivo e dimostrazioni verrà data risposta alle seguenti domande:

• Perché dovremmo avere fiducia netta Parola di Dio?

• Come possiamo sperimentare il potere della Parola d Dio nella nostra vita?

• Come si può riacquistare potenza quando si è deboli?

• C’è un segreto per cambiare in maniera stabile, abbandonando cattive abitudini e atteggiamenti fortemente radicati?

Un momento molto atteso: al mattino, alle 11,30 ci sarà la cerimonia del battesimo, dove i nuovi ministri Testimoni renderanno pubblica la loro dedicazione a Dio con l’immersione completa in acqua.

Come avviene in tutti gli incontri dei Testimoni di Geova, l’ingresso è libero e non saranno effettuate collette.

Tutti sono i benvenuti.

In breve:

In Italia i Testimoni di Geova sono più di 247.00, distribuiti in oltre 3.000 unità; mentre in tutto il mondo sono circa 8.000.000, organizzati in oltre 111.000 congregazioni.

Testimoni Geova: assemblea per imparare gli insegnamenti della Bibbia

http://www.romatoday.it/eventi/testimoni-geova-imparare-gli-insegnamenti-della-bibbia.html

 

 

Ultimo giorno per 1500 fedeli della Capitale. A Roma 15mila sono impegnati a divulgare il messaggio biblico: "Imitiamo il modello di Gesù"

Si conclude oggi lʼassemblea di due giorni dei Testimoni di Geova dal tema "La Parola di Dio è utile per insegnare". Lʼevento ha riunito circa 1500 fedeli. Uomini, donne, anziani e bambini hanno ascoltato con attenzione più di venti trattazioni basate sulla Bibbia.

 

Lʼinsegnamento contenuto nelle Sacre Scritture è stato il tema centrale dellʼedizione di questʼanno. I Testimoni hanno a cuore questo insegnamento per due motivi: vogliono impararlo e desiderano trasmetterlo ad altri.

 

Diversi oratori hanno spiegato, Bibbia alla mano, come tenere conto dei princìpi di Dio nella vita di tutti i giorni. Per esempio, il tema "Respingete strani insegnamenti" ha chiarito la differenza tra "il sano insegnamento" e "lʼinsegnamento dannoso". Un invito per tutti i testimoni a tenere una condotta irreprensibile dal punto di vista morale, rifiutare ogni forma di violenza, tenere lontano il desiderio di potere, evitare lʼavidità e lʼidea che la felicità arrivi a chi accumula beni materiali. Il discorso "Chi insegna ad altri insegni anche a se stesso" ha ricordato a ogni testimone impegnato a portare ad altri il messaggio della Bibbia lʼimportanza di essere un esempio, praticando per primo i princìpi biblici. Altre trattazioni hanno illustrato invece come migliorare la capacità di trasmettere la Parola di Dio ad altri. Tra tutti, il discorso "Imitiamo il modo dʼinsegnare di Gesù", basato sulle grandi lezioni che il Figlio di Dio ha lasciato agli uomini. I suoi profondi insegnamenti espressi con parole semplici -"date a Cesare quello che è di Cesare", "cʼè più felicità nel dare che nel ricevere" - sono così efficaci da essere vivi ancora oggi nella mente di molti.

 

Questa mattina un simposio ha sottolineato lʼefficacia della Parola di Dio, utile "per insegnare, riprendere, correggere". Nel pomeriggio, una trattazione - dedicata a chi assiste allʼevento per la prima volta - sullʼeffetto dellʼopera di predicazione dei Testimoni di Geova su milioni persone di tutto il mondo.

 

Lʼassemblea è stata anche unʼoccasione per fare il punto su un progetto speciale partito a maggio scorso: i Testimoni della Capitale hanno allestito nel centro della città espositori con pubblicazioni bibliche in molte lingue. Più di 400 volontari hanno dedicato 26mila ore al progetto, distribuendo migliaia di pubblicazioni tra Bibbie, riviste e opuscoli.

 

Particolarmente sentito, il momento del battesimo. Dopo un discorso dedicato a chi ha deciso di dedicare la sua vita a Dio, i nuovi fedeli si sono battezzati nella piscina interna al locale.

TESTIMONI DI GEOVA IN ASSEMBLEA, SABATO 9 NOVEMBRE 2013 A FORCHIA

http://www.informazione.it/c/49D9E74E-EE5E-4BDF-80DE-A08B81682200/TESTIMONI-DI-GEOVA-IN-ASSEMBLEA-SABATO-9-NOVEMBRE-2013-A-FORCHIA

 

I testimoni di Geova della zona vesuviana a congresso a Forchia (BN)

San Giuseppe Vesuviano, 08/11/2013 (informazione.it - comunicati stampa) Saranno circa 2000 i Testimoni di Geova della zona vesuviana che muoveranno alla volta di Forchia (BN), per raggiungere la loro bella e funzionale Sala delle Assemblee. Il congresso di sabato 9 novembre avrà per tema “La Parola di Dio esercita potenza”, e si svolgerà con discorsi, interviste e rappresentazioni sceniche che illustreranno come il cristianesimo contribuisce al miglioramento della qualità della vita. Particolare attenzione verrà prestata ai giovani con la trattazione “Ragazzi, confidate nella Parola di Dio?”

Il programma avrà inizio alle 9,40 per concludersi alle ore 16. Alle 11,35 è prevista la cerimonia del battesimo di decine di nuovi credenti. L’ingresso è libero e tutti sono benvenuti.

 

Evento in Puglia: Assemblea dei testimoni di Geova in romeno!

http://puglialive.net/home/news_det.php?nid=75030

 

Bitonto (Bari) - Evento in Puglia: Assemblea dei testimoni di Geova in romeno!

 

30/10/2013

 

“La parola di Dio esercita potenza” è il tema dell’assemblea speciale di un giorno dei Testimoni di Geova, che si terrà presso la Sala delle Assemblee di Bitonto (Ba) il 03 novembre 2013 a partire dalle 9,40 interamente in lingua romena.

Presso la Sala delle Assemblee situata a Bitonto (BA), in via Ganga di Lupo, Contrada Patierno, centro delle attività regionali dei Testimoni di Geova pugliesi, sono attese centinaia di testimoni romeni ed italiani dalla Puglia, e dalla Basilicata .

Nella nostra zona sono in aumento le comunità romene, questo ha fatto si, che, un certo numero di testimoni di Geova italiani, interamente a proprie spese, si sono impegnati per imparare non solo la lingua, ma anche la cultura romena con l’obiettivo di prendersi cura dei bisogni spirituali degli immigrati provenienti da Romania e Repubblica Moldova.

Per rispondere in modo adeguato al crescente numero di romeni presente sul territorio,è stato indetto dalla Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova un corso di lingua romena, a Barletta, della durata di quasi 5 mesi a favore di Testimoni italiani che desiderano espandere il proprio servizio, imparando il romeno e prendendosi cura dei bisogni spirituali dei romeni presenti nelle loro zone.

A questo corso , partito il 28 settembre scorso, stanno partecipando più di 50 studenti, in età compresa tra i 15 e i 65 anni,provenienti dagli angoli più remoti della Puglia e della Basilicata come Cursi, Moliterno, Oria, Locorotondo Matera, Foggia, ecc. Tutti questi, insieme agli oltre 200 testimoni italiani e romeni, che compongono la circoscrizione “Romena 7/B”, saranno presenti all’ assemblea summenzionata che si terrà a Bitonto il 3 novembre 2013.

Le tre assemblee in programma per l’anno 2013- 2014, sono state preparate e programmate con l'obiettivo di rafforzare la nostra convinzione che la Bibbia è la Parola di Dio. Ogni assemblea si concentra su una sfaccettatura della Parola di Dio;la precedente sul fatto “che è verità” , la successiva “che è utile per insegnare” .

Questa assemblea speciale di un giorno dal tema : “La parola di Dio esercita potenza” basato su Ebrei 4:12 dimostrerà come la Parola di Dio può trasformare radicalmente la vita delle persone.

Il programma di questa assemblea si propone di aiutare ognuno di noi a riflettere con serietà su come stiamo impiegando questo stupendo dono fattoci dal nostro Creatore. Dono che ha il potere di trasformare la nostra vita plasmando i nostri pensieri, motivi e sentimenti ,conformandoli alla volontà di Dio.

Il programma risponderà a domande del genere: Perché dovremmo avere fiducia nella Parola di Geova? Come possiamo sperimentare il potere della Parola di Dio nella nostra vita? Qual è il segreto per continuare ad essere trasformati anche quando si tratta di abbandonare abitudini e atteggiamenti fortemente radicati?

I Testimoni di Geova sono convinti che tutti presenti trarranno beneficio dalle pratiche informazioni che verranno presentate. L'ingresso è gratuito e non si fanno collette.

In un mondo dominato dal razzismo e dall’emarginazione ,è toccante vedere come italiani , romeni e rom, siedono gli uni accanto agli altri, pacificamente uniti nel pregare e studiare la Bibbia insieme , segno di un'integrazione completa tra culture anche molto distanti l'una dall'altra. Soprattutto, nonostante le differenze culturali , razziali e sociali si chiamano, si considerano e si trattano da “fratelli”.

Cassazione: giudice può vietare al padre separato di portare i figli alle celebrazioni dei Testimoni di Geova

http://www.studiocataldi.it/news_giuridiche_asp/news_giuridica_14566.asp

 

Se in una famiglia di figli hanno ricevuto un'educazione cattolica, il giudice può vietare al padre separato che sia diventato Testimone di Geova di portarli  alle celebrazioni ("Adunanze del Regno") della nuova fede a cui si è convertito.

 

E' quanto afferma la Corte di Cassazione,  con la sentenza numero 24683/2013  che ha così confermato quanto precedentemente deciso dalla corte d'appello.

Secondo la Cassazione questo divieto non va a precludere la libertà del padre  di compiere le proprie scelte religiose ma pone delle giuste limitazioni per garantire una corretta formazione psicologica dei minori.

 

Ciò di cui si è tenuto conto nel caso di specie è l'età delle figlie che, secondo i giudici di merito, non avrebbe consentito loro di effettuare una scelta consapevole di una nuova fede.

 

 La Corte d'Appello ha così ritenuto poco opportuno un totale stravolgimento  del loro credo religioso, cosa per la quale sarebbe richiesta un'adeguata maturità.

 

Nella sentenza di merito i giudici avevano anche stabilito che  le bambine dovessero trascorrere le principali feste religiose con la madre di credo cattolico.

 

 

Fonte: Cassazione: giudice può vietare al padre separato di portare i figli alle celebrazioni dei Testimoni di Geova

 

 

Omicidio Sarah Scazzi, Concetta la mamma: “Se Geova perdonerà Sabrina, lo farò acnhe io”

http://mentiinformatiche.com/2013/10/omicidio-sarah-scazzi-concetta-la-mamma-se-geova-perdonera-sabrina-lo-faro-acnhe-io.html

 

Perdonare Sabrina? Me lo hanno chiesto in tanti. E io ho risposto come la mia religione mi impone. Io sono testimone di Geova e vi dico: non è nel mio potere perdonare chi si è macchiato di un omicidio. Solo Dio può farlo. Se Sabrina imboccherà un percorso di redenzione allora Dio la perdonerà e quindi; dopo, potrò farlo anch'io". Concetta Scazzi Serrano, 52 anni, la mamma di Sarah Scazzi, mi dice queste parole sconvolgenti mentre siamo seduti nella sua cucina, ad Avetrana.

 

«MI RIMANGONO TANTI SOSPETTI» È il suo luogo delle riflessioni; il luogo dove ci eravamo già incontrati subito dopo la sentenza che ha condannato all ergastolo Sabrina e la mamma Cosima; sorella di Concetta; per lomicidio di Sarah; la 15enne di cui tutta Italia ha parlato per mesi e anni. Ci teneva molto a vedermi ancora la signora Concetta dopo che "Giallo" aveva pubblicato una sua intervista in cui si parlava di riti satanici e messe nere. "Giallo" aveva riportato una clamorosa intercettazione in cui Sabrina e il suo amico Alessio Pisello parlano di una masseria che "bisogna controllare; prima che ci vadano i carabinieri". E forse in questo contesto che è maturato il terribile omicidio. Sabrina e i suoi amici forse praticavano messe nere o, più probabilmente; con la scusa del Diavolo e delle messe nere; si lasciavano andare ad altre cose "sporche". Diciamo molto spinte. Sarah lo sapeva o addirittura vi era stata coinvolta ed è per questo che era diventata una pericolosa testimone da eliminare? I magistrati di Taranto non lo hanno escluso, anche se per loro questa intercettazione è un dettaglio tutto sommato ininfluente ai fini del processo. Semmai, in gergo tecnico si definirebbe l'aggravante di omicidio per motivi abbietti. Non è così per mamma Scazzi. «Non ho mai detto che Sarah è stata uccisa per questo, almeno non in questi termini>>, ci tiene a puntualizzare Concetta che, per dare maggiore ufficialità a questo incontro, ha voluto fosse presente anche uno dei suoi avvocati. Dice fissandomi negli occhi: «Ho sempre sospettato che mia figlia fosse stata coinvolta in giri strani. Alle pareti della sua cameretta appendeva foto di Marylin Manson, cantante satanico. Nel suo diario scriveva di amare Satana. Vi sembrano pensieri normali per una ragazzina di 15 anni? No, io ho sempre detto che bisognava indagare; cercare di capire. Sia ben chiaro: non ho nessun rimprovero da fare agli inquirenti. Abbiamo avuto giustizia; anche se la condanna di mia nipote e soprattutto di mia sorella ha aggiunto amarezza aflorrore. Perché essere pugnalati alle spalle dalla tua famiglia è terribile. Tuttavia lo dico e lo ripeto: non ho gli strumenti culturali e investigativi per poter dire con certezza: "L'hanno uccisa per questo". Mi rimangono tanti sospetti e tanti dubbi inquietanti. Uno fra tutti: perché nessuno parlò quando Sarah era scomparsa? Perché nessuno; salve qualche testimone; disse la verità? Perché; prima di "Giallo" nessuno mi aveva fatto leggere quella intercettazione? Cera qualche cosa da nascondere? Io credo che sulla morte della mia bambina ci sia ancora tanto da scoprire. E penso e ripenso a Michele che si presenta a una trasmissione televisiva per confessare di aver gettato Sarah in un pozzo. Spaventoso! Se Michele non avesse confessato; lavremmo mai trovata la mia povera bambina? È un tormento che mi accompagnerà per tutta la vita. Ma lo ripeto con forza: non so come sono andate davvero le cose in quella masseria maledetta». «Signora Concetta»; chiedo; «noi ne abbiamo fotografata una e abbiamo pubblicato le fotografie su "Giallo" due settimane fa. C erano simboli strani; che abbiamo fatto analizzare a esperti. Non vorrebbe venire con noi a visitarla?». Risponde Concetta: «La mia religione mi vieta categoricamente di entrare in qualunque luogo che sia stato contaminato dal Demonio. E poi perché dovrei rivivere questo strazio? No; io credo che arrivati a questo punto della situazione ci sia da salvare il salvabile almeno per quanto riguarda i sentimenti ». «Che cosa intende con sentimenti?». «Gliel'ho detto: la redenzione di Sabrina. Voi sapete che noi testimoni di Geova diffondiamo la parola di Dio casa per casa e molte persone risultano anche infastidite da questa nostra opera. Bene; sappia che i miei fratelli stanno andando in carcere a trovarla già da un po' di tempo. Secondo quanto mi hanno riferito non rifiuta affatto di ascoltare la parola di Dio. Diciamo che è in una fase di riflessione. Se il suo percorso sarà vero e definitivo allora molte cose cambieranno per lei. Dio la osserverà ». «Signora Concetta; e sua sorella Cosima? Sappiamo che di Dio. Ora la saluto». Il testo è qui accanto, a destra.

 

LA LAPIDE DELLA PICCOLA SARAH Ero entrato nella casa del dolore ed ero convinto di uscirne portando con me solo dolore. Invece, ogni volta che incontri Concetta, soprattutto nella sua casa, la stessa casa in cui viveva Sarah prima di essere uccisa, è lei che ti infonde energia, speranza nel futuro. Ma come fa a tirare avanti? Ogni volta lei ti prepara un caffè, ti risponde con dolcezza. È come incontrare una Madonna a cui hanno crocifisso il figlio. Lei prega per tutti. La saluto passando davanti alla cameretta di Sarah. La porta è aperta. Le foto "maledette" sul muro non ci sono più. Esco e mi dirigo nel centro del paese. Fuori, ad Avetrana, gli alberghi-masseria sono chiusi perché non è stagione di turismo, i negozi quasi deserti, le strade poco trafficate. Faccio un salto al cimitero per rivedere la tomba di Sarah e recitare una preghiera per lei. Sulla lapide spiccca il suo bel volto sorridente che avete visto tante volte sui giornali. Guardo quegli occhi luminosi e mi chiedo: "Chi eri davvero Sarah?". Una ragazzina venuta dal Nord con la faccia pulita e vispa, ansiosa di vivere, ingenua, eppure così esuberante da scatenare gelosie e invidie perfino nella sua famiglia? Chi ti ha tradita? Chi eri Sarah per gli abitanti di questo paese del Sud? Ah quante cose ci sarebbero da dire ancora su Avetrana. I misteri di Avetrana non sono affatto finiti. Ciao Sarah. Riposa in pace.

Los testigos de Jehová dan inicio a las Asambleas “La Palabra de Dios es la verdad”

http://www.hoytamaulipas.net/notas/101632/Los-testigos-de-Jehova-dan-inicio-a-las-Asambleas-La-Palabra-de-Dios-es-la-verdad.html

 

Los testigos de Jehová dan inicio a las Asambleas "La Palabra de Dios es la verdad"

 

 

Los testigos de Jehová han comenzado a organizar por todo el mundo sus asambleas anuales y han lanzado una campaña para invitar al público a asistir. El título de las asambleas de este año es "La Palabra de Dios es la verdad"

 

Tampico, Tamaulipas.- "El título de las asambleas de distrito de este año es significativo, pues subraya una verdad fundamental para las familias de testigos de Jehová.  Para nosotros, la Biblia es la fuente más confiable de guía y consejos que puede haber en estos tiempos tan difíciles. Estamos seguros de que el público también se beneficiará del variado y práctico programa."

 

"En las asambleas de este año, las familias recibirán nuevas publicaciones para estudiar la Biblia juntos e individualmente.

 

En la zona sur de Tamaulipas, en el primer día de asamblea se reunieron mas de 8 mil personas para escuchar los importantes temas en forma de discursos.

 

El programa del día viernes se centró en las palabras de Juan 8:32 "La verdad los libertará" y se desarrollaron una serie de discursos en los que se destacó el tema "¿Cómo aprendió la verdad?" Como Testigos de Jehová efectuamos nuestra predicación en diferentes facetas lo que ha logrado que muchas personas pongan fe en el mensaje de la Palabra de Dios y han obtenido consuelo y esperanza. Por la tarde se presentó una obra dramática cuyo tema fue "Reflexionemos en las maravillosas obras de Dios"

 

En la sesión de la tarde en la serie de discursos ¨La verdad nos libera¨, se expusieron los beneficios de tener la verdad, ya que eso nos libera de muchos sufrimientos como de una vida alejada de Dios, de los vicios y de las malas compañías.

 

Los Testigos de Jehová somos personas de distintos países, culturas y lenguas que tenemos los mismos objetivos. Sobre todo, queremos honrar a Jehová, el Autor de la Biblia y el Creador del universo. También nos esforzamos por imitar a Jesucristo y consideramos un gran privilegio llamarnos cristianos. Cada uno de nosotros dedica tiempo a ayudar a la gente a aprender más sobre la Biblia y el Reino de Dios. Como damos testimonio acerca de Jehová Dios y su Reino, se nos conoce como testigos de Jehová.

 

  La Asamblea ayudara a los presentes a asirse firmemente a la verdad  y a vivir de acuerdo a la verdad bíblica, sus normas de justicia y Amor que se expone en la palabra de Dios La Biblia.

Asisten a reunión más de 11 mil testigos de Jehová

http://www.frontera.info/EdicionEnLinea/Notas/Noticias/27102013/769140-Asisten-a-reunion-mas-de-11-mil-testigos-de-Jehova.html

 

TIJUANA, Baja California(PH) Unos 11 mil 270 Testigos de Jehová,

pertenecientes al municipio de Tijuana, se reunieron este fin de semana en el Centro Metropolitano de Convenciones, ubicado en Rosarito, para llevar a cabo la reunión anual, denominada este año, La Palabra de Dios es la Verdad.

 

Debido a que la congregación rebasa los 50 mil devotos en Baja California, la asamblea anual se divide en cinco fines de semana a razón de 10 u 11 mil asistentes, indicó Rogelio Nevarez Monarrez, uno de los responsables de difusión de la congregación en la entidad.

 

La asamblea de este fin de semana es la segunda y se llevó a cabo viernes, sábado y domingo. La mayoría fueron de Tijuana ya que en esta ciudad se encuentra la mayoría de los seguidores de esta religión, entre 35 y 40 mil, explicó Nevarez Monarrez.

 

“El título de las asambleas de distrito de este año es significativo, pues subraya una verdad fundamental para las familias de testigos de Jehová. Para nosotros, la Biblia es la fuente más confiable de guía y consejos que puede haber en estos tiempos tan difíciles. Estamos seguros de que el público también se beneficiará del variado y práctico programa”, dijo J. R. Brown, portavoz de los Testigos de Jehová de New York.

 

Además de bautizar a más de un centenar de nuevos Testigos de Jehová y representar el pasaje de la Reyna Esther, la asamblea sirvió para distribuir las nuevas publicaciones con las que se estudiará la Biblia.

 

Las próximas ediciones se llevarán a cabo del 1 al 3 de noviembre, 6 al 8 y del 13 al 15 de diciembre. La entrada es gratuita y la invitación está abierta para el público en general, concluyó el vocero de difusión Nevarez Monarrez.

 

 

.